SI INFORMA LA CITTADINANZA CHE CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 11 DEL 16.02.2022 AD OGGETTO: "Emergenza sanitaria da Covid-19. Linee di indirizzo per attuazione nuove misure di sostegno in favore dei cittadini" lL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE  

PREMESSO che il Consiglio dei Ministri con deliberazione 31 gennaio 2020 pubblicata nella GURI n. 26 del 1° febbraio 2020, a seguito del riconoscimento da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dell’epidemia da Covid-19 come emergenza di sanità pubblica internazionale (oggi riconosciuta come pandemia), ha dichiarato lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili e che tale stato di emergenza è stato prorogato, da ultimo fino al 30/04/2021;

 

RICHIAMATI i decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri nonché i decreti legge emanati a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19;

 

CONSIDERATO che il Governo ha ritenuto di adottare, parallelamente alle misure di contrasto alla diffusione del predetto virus, anche misure di contenimento degli effetti negativi che esso sta producendo sul tessuto socio-economico nazionale;

 

RAVVISATO che le misure di contrasto al contagio via via adottate nel corso di questo lungo periodo di crisi pandemica, hanno messo in difficoltà molte famiglie, ed in particolar modo i nuclei che già versavano in una situazione di disagio economico e sociale;

 

DATO ATTO che l’amministrazione comunale ha già adottato numerose iniziative al fine di fornire un adeguato sostegno ai cittadini più bisognosi ed agli operatori economici del territorio più colpiti dalle conseguenze della crisi sanitaria in atto, approvando nello specifico i seguenti provvedimenti:

- D.G.C. n.29 del 04/04/2020 avente ad oggetto “Ordinanza del capo del dipartimento della protezione civile n.658 del 29/03/2020.adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare. Indirizzi agli uffici;

- D.G.C. n.86 del 16/12/2020 avente ad oggetto “Assegnazione buoni solidarietà alimentare a favore di persone e/o famiglie in condizioni di disagio economico e sociale emergenza covid-19 OCDPC n.658 del 29/03/2020”;

- D.G.C. n.41 del 07/07/2021 avente ad oggettoFondo di sostegno alle attività economiche artigianali e commerciali nelle aree interne Legge 27 dicembre 2019, n.160 e s.m.i. Approvazione schema di Avviso, Nomina RUP ed indirizzi.”;

- D.G.C. n.68 del 22/11/2021 avente ad oggetto “Art.53 c.1 d.l.25/05/2021 n.73 -contributi destinati alla solidarietà alimentare al sostegno del pagamento del canone di locazione e delle utenze domestiche”;

 

DATO ATTO che questo Ente dispone di n 99 alloggi in legno siti all’interno delle aree di protezione civile realizzati a seguito del sisma del 1997, di cui n.40 ad oggi assegnati ai residenti con dimora abituale e continuativa le cui abitazioni sono state dichiarate inagibili a seguito del sisma del 24.08.2016 e successivi e n.26 moduli abitativi concessi in locazione ai soggetti in possesso dei requisiti stabiliti dalle predette deliberazioni della giunta comunale;

 

RICHIAMATE le deliberazioni della Giunta Comunale del Comune di Sellano n. 90 del 9.07.2004, n. 153 del 23.12.2001, n. 70 del 30.08.2011 e n.81 del 20.09.2017, con le quali si approvavano i criteri e i canoni d’affitto per l’assegnazione delle casette in legno (alloggi/moduli abitativi) costruite a seguito degli eventi sismici del 26.09.1997 e successivi, in conformità a quanto disposto dagli articoli 46 e 52 della legge regionale 28.11.2003 n 23;

 

RAVVISATA la necessità di adottare ulteriori misure tese a sostenere i nuclei familiari in condizione di maggior disagio economico che, in qualità di conduttori dei moduli abitativi, hanno rappresentato l’impossibilità di corrispondere regolarmente il canone di locazione, e ciò anche in virtù del mutato quadro socio-economico locale che si è determinato per effetto dell’applicazione, anche sul territorio comunale, delle misure delle Autorità statali per il contenimento della diffusione del predetto virus;

 

RICHIAMATA la delibera di giunta comunale n.70 del 30/08/2011con la quale sono stati da ultimo stabiliti i valori del canone di locazione degli alloggi di legno in questione;

 

RITENUTO che il mutato quadro socio-economico generale causato della pandemia in atto e dalle misure di contrasto alla sua diffusione, possa inquadrarsi tra gli eventi di forza maggiore ai quali l’ordinamento giuridico riconosce valenza di impedimento oggettivo all’ordinario adempimento delle obbligazioni, così giustificando misure tese ad adeguare il vigente assetto regolamentare o contrattuale alle indicate sopravvenienze;

 

RICORDATO che la pandemia da COVID-19 ha indotto anche il Governo nazionale ad adottare misure eccezionali in favore dei conduttori in difficoltà;

ha ritenuto opportuno e  necessario adottare ulteriori misure di sostegno in favore dei cittadini,  intendendo  rideterminare il canone di locazione per i nuclei familiari che abbiano stabilito la propria dimora abituale e continuativa presso i moduli di legno e che versino in condizioni di disagio socio-economico, comprovate da apposta relazione dei servizi sociali comunali e dai seguenti ulteriori requisiti:

- indicatore economico equivalente ISEE non superiore ad € 5.500,00;

- presenza di almeno n.1 componente con grado di invalidità superiore al 75%;

 e  pertanto il canone di locazione mensile , esclusivamente per le predette categorie, è rideterminato come segue:

1) modulo A - € 85,00 (anziché 110,00);

2) modulo B – € 100,00 (anziché 132,00);

3) modulo C - € 125,00 (anziché 165,00);

I canoni di locazione, come sopra rideterminati, verranno applicati ai nuclei familiari aventi diritto che ne faranno apposita richiesta, sia in caso di nuovi contratti che per quelli in corso, purchè non sussistano situazioni di morosità pendenti al momento della richiesta, fatta salva l’ipotesi di eventuali piani di rateizzazione accettati dall’ente.

Torna su